top of page

Come sarà il Metaverso?


Come sarà il Metaverso? Quando potremo iniziare ad usarlo? Sembrano domande banali, ma Meta tace, forse per sfruttare poi l’effetto sorpresa. Ci proviamo allora noi, a rispondere, su InveXtra News. E partiamo volando alti, con un’altra domanda: “Come vorresti che fosse il futuro?. Ce lo chiedeva una pubblicità Telecom di vent’anni fa. Erano, nonostante tutto, decisamente ottimisti gli anni 2000. Oggi, tra pandemie, terremoti e guerre, dominano i profeti di sventura. Se una versione Beta, ovvero sperimentale, di ChatGPT installata in Bing (il motore di ricerca di Microsoft) non funziona ancora bene e dà risposte assurde a domande altrettanto assurde che gli pone Kevin Roose, un giornalista del New York Times, è praticamente certo. Il nostro futuro somiglierà a “Bladerunner” e a “2001 Odissea nello spazio”. Le macchine si stanno ribellano ed il mondo in breve sarà simile a “Divergent”. Certo, Sidney (la versione ChatGPT di Bing si chiama così) ha solo detto “ti amo” a Kevin Roose. Come dichiarazione di guerra forse non vale. Ma è chiaro, sta andando tutto a rotoli. Lo confermerebbe anche Microsoft, che ha chiuso AltspaceVR, uno solo dei suoi tanti progetti sul Metaverso. Mesh, dedicato al mondo del lavoro, va avanti e si integrerà presto con Teams portando nel lavoro futuro & fatturato… ma per molti è già chiaro: la realtà virtuale ha già fallito. In realtà, almeno un Metaverso lo conosciamo già e sono i Videogame, un ambiente da vivere indossando un visore o usando un joystick. Come leggete nel nostro speciale, il settore vale già oggi 200 miliardi di dollari. Secondo Statista, nel 2030 ben 163 passeranno dal Metaverso, che varrà 490 miliardi, 12 volte rispetto ad oggi. E’ una stima al ribasso, visto che secondo altri operatori il valore del Metaverso tra 7 anni sarà tra i 750 ed i 1700 miliardi. Non cresceranno solo i videogame, sarà l’e-commerce a fare la parte del leone nel Metaverso passando dagli attuali 20 ai 200 miliardi. E’ facile capire perché: indossando l’apposito visore, non chatteremo soltanto in modo più fluido con gli amici in Australia. Indosseremo virtualmente quella giacca che tanto ci piace e potremo comprarla fisicamente nella taglia giusta, evitando problemi di reso. Riassumendo, il Metaverso non si sostituirà alla realtà fisica, ma si integrerà con essa sempre più spesso semplificandoci la vita. Tutto qui.

Comentarios


bottom of page