top of page

REGNO UNITO, SUNAK È IL NUOVO PREMIER: SALGONO STERLINA E BOND


Rishi Sunak, 42 anni, origini indiane, brexiteer pragmatico ed ex cancelliere dello Scacchiere (ministro delle Finanze) sotto Boris Johnson, è stato proclamato nuovo leader del Partito Conservatore in maggioranza a Westminster. L’ex premier Liz Truss è stata una delle prime a congratularsi con lui: «Hai il mio pieno sostegno», ha scritto su twitter.

Dopo le dimissioni formali di Liz Truss nelle mani di Carlo III sarà designato automaticamente premier britannico dal re. Gradito alla City, Sunak diventa il primo capo del governo del Regno di radici etniche indiane. Penny Mordaunt, unica rivale dopo la rinuncia di BoJo, s’è ritirata in extremis.


Sunak, primo premier di origine indiana e fede induista e il più giovane in oltre 200 anni, era stato tra i nomi papabili dopo le dimissioni di Johnson, ma era stato superato da Liz Truss, costretta a lasciare dopo appena 45 giorni dall’inizio del suo mandato. Secondo gli osservatori per Sunak la vittoria di oggi è una sorta di rivincita, visto che la sua era stata una delle voci più critiche sul maxi piano di tagli fiscali di Truss, che come è noto le è costato il posto.


Nel suo primo discorso dopo la vittoria, Sunak si è appellato al Partito conservatore per «unirsi e lavorare insieme per il bene della nazione» dopo le tensioni interne seguite alle dimissioni di Liz Truss.


«Sono tempi senza precedenti, nonostante i tempi compressi nella competizione per la leadership è chiaro che i colleghi hanno bisogno di certezze oggi. Hanno preso questa decisione in buona fede e per il bene del Paese», ha detto Penny Mordaunt, sottolineando che «di conseguenza, abbiamo scelto il nostro primo ministro». Mordaunt ha parlato di «una decisione storica, che mostra, ancora una volta, la diversità e il talendo del nostro partito. Rishi ha il mio pieno».


Boris Johnson si è chiamato fuori domenica 23 ottobre dalla sfida per la successione a Liz Tuss come leader della maggioranza Tory e primo ministro del Regno Unito, rinunciando all’ipotesi - clamorosa - di un ritorno a Downing Street dopo la sua uscita di scena.

L’annuncio ha spianato la strada all’ascesa al capo del governo di Sua Maestà di Rishi Sunak, che può contare ora sul sostegno di 178 deputati conservatori, più della metà del totale, nella sua corsa alla leadership del partito. La premier uscente, Liz Truss, ha dichiarato che sosterrà il suo successore.

Sunak è un candidato gradito ai mercati, come testimoniano la crescita di bond e sterlina sui listine. L’ipotesi della sua nomina sta spingendo in basso i rendimenti dei titoli di Stato, con il decennale che rende il 3,90% e il 2 anni il 3,47%. Anche la sterlina britannica si è risolleva rispetto a venerdì, quando l’incertezza sulla premiership nel Regno Unito aveva portato il cambio tra la moneta inglese e il dollaro statunitense a 1,12. Il cambio si attesta a 1,1334 dopo aver toccato anche 1,1383, mentre l’euro/sterlina è a 0,8672 (0,8725 venerdì).




Comentarios


bottom of page