top of page

TAIWAN: SALE LA TENSIONE TRA CINA E USA


Altissima tensione tra Cina e Stati Uniti. Al centro dello scontro ancora una volta Taiwan. La Cina sollecita gli Stati Uniti a ritirare il piano di vendita di armi a Taiwan e ad interrompere tutte le vendite di armi all’isola, e avverte che "adotterà tutte le misure necessarie" per difendere la propria sovranità e la propria integrità territoriale. Lo riferisce un comunicato del ministero della Difesa Nazionale, in riferimento all’ultimo piano di assistenza tecnica militare Usa all’isola per un valore di 108 milioni di dollari approvato dal Dipartimento di Stato Usa.


La Cina, che rivendica la sovranità su Taiwan, "chiede che gli Stati Uniti ritirino immediatamente il suddetto piano di vendita e interrompano tutte le vendite di armi a Taiwan" si legge nel comunicato, in cui si sottolinea che "il futuro, la sicurezza, gli interessi e il benessere di Taiwan non possono essere comprati" e che le autorità di Taiwan, facendo affidamento sugli Stati Uniti, "berranno solo veleno per placare la loro sete". L’Esercito Popolare di Liberazione cinese, conclude la nota, "adotterà tutte le misure necessarie per difendere fermamente la sovranità nazionale e l’integrità territoriale e contrastare risolutamente qualsiasi forma di interferenza esterna e tentativi separatisti di indipendenza di Taiwan".


Parole durissime che arrivano dopo lo scontro di qualche settimana fa in cui sempre la Cina ha chiesto agli Stati Uniti di ritirare ogni forma di ingerenza sull'isola. Una richiesta precisa che a quanto pare non è stata raccolta dagli Stati Uniti. La tensione nella regione continua a salire di giorno in giorno e la guerra a Taiwan comincia a non essere più un tabù.


 

FONTE: LIBERO QUOTIDIANO

Comments


bottom of page