top of page

Chouinard pensa alla naturaLa lezione del fondatore di Patagonia


Nel settembre 2022, Yvon Chouinard ha trasformato la sua azienda, Patagonia, in una fondazione no profit che si occupa di tutelare la natura, Patagonia Purpose Trust. Per uno come lui è del tutto normale che una vita di lavoro e di successo, in cui ha creato un brand che vale 3 miliardi dollari, torni alla natura. "Nonostante la sua immensità, la Terra non ha risorse infinite ed è chiaro che abbiamo superato i suoi limiti. Ma il nostro pianeta è anche resiliente. Se ci impegniamo, possiamo ancora salvarlo", ha scritto su Patagonia.com. Da sempre il brand incita a riparare i propri prodotti, invece di comprarne di nuovi, cosa che, va detto, fino a qualche tempo fa era follia. Se oggi anche Apple sta percorrendo la stessa strada, se oggi l'ambientalismo è "dannatamente cool" è anche merito di persone come Chouinard, che da sempre ha le idee sul tema. Prima del profitto c'è altro. Nato nel 1938 negli Stati Uniti, nel pittoresco Maine, viene da una famiglia di origini franco-canadesi. Suo padre era un artigiano, capace di trasformare oggetti e risolvere problemi meccanici. Nel 1947, la famiglia Chouinard si trasferisce in California, e qui Yvon inizia a esplorare il mondo dell'arrampicata. Spesso saltava le lezioni al liceo per dedicarsi al surf o scalare le vette dell'Alta Sierra. Negli anni '60 e '70, per gli amanti della montagna Yvon Chouinard era legato a quello di Royal Robbins, un compagno di avventure con cui rivoluzionò l'arrampicata. Furono i precursori del free climbing e non solo. Chouinard e Robbins cercavano di lasciare le rocce così com'erano, aprendo la strada a un approccio più sostenibile e rispettoso dell'ambiente. Tra i primi successi Chouinard c'è infatti Chouinard Equipment, che produceva attrezzatura da alpinismo. Perché per Chouinard business, passione, sport e natura sono sempre andati d'accordo. Ovviamente, anche con la possibilità di lavorare in modo meno frenetico. Splendido è il titolo di un suo libro uscito nel 2005, "Let My People Go Surfing". Perché guadagnare è necessario, per cui lavorare è sempre bello. Di più se qualche volta invece che in ufficio vai a fare surf.

Comments


bottom of page